Noleggio Auto Olbia

Noleggio Auto Olbia ©

Perchè usare Noleggio Auto Olbia .Org ?

  • PREZZO PIU’ BASSO! Prova a fare una prenotazione e vedrai!
  • Vastissima SCELTA di Autovetture
  • Tutte Auto NUOVISSIME
  • Commissioni ZERO su Carta di Credito
  • Costi Extra: ZERO
  • PROMOZIONI periodiche e SCONTI
  • Consegna IMMEDIATA
  • Modifiche e Cancellazioni Gratuite
  • Prenota Facilmente in 3 fasi:  Inserisci Date -> Scegli Prezzo -> Conferma!
Noleggio Auto Olbia
© Noleggio Auto Olbia .Net


Informazioni turistiche su Olbia e dintorni

Come raggiungere Olbia

L’aeroporto Costa Smeralda è il principale punto di accesso della Sardegna ed è l’unico presente nel nord-est dell’isola. Dista circa 12 chilometri dal centro di Olbia ed è servito dai mezzi pubblici, ma il modo migliore per raggiungere il centro della città è a bordo di un’auto a noleggio, con la quale percorrere le strade panoramiche che costeggiano il mare.

Il porto di Olbia vede transitare ogni anno un milione di passeggeri ed è collegato a numerosi porti italiani, come quelli di Civitavecchia, Piombino, Genova, Livorno e Napoli. La sua posizione è strategica e permette di raggiungere la penisola in appena 5 ore a bordo di comodi traghetti veloci. Le navi passeggeri approdano nel Pontile Isola Bianca, dove i visitatori possono usufruire di un moderno terminal che ospita una sala d’attesa, un punto ristoro, uffici amministrativi e la guardia medica.

Il centro storico di Olbia

Olbia è una città molto antica fondata in epoca romana, infatti il suo centro storico conserva numerose tracce di un passato grandioso. Passeggiare tra le viuzze della città è come fare un tuffo nel passato. Le strade sono lastricate di sampietrini e si possono ammirare diversi edifici storici con le caratteristiche mura in pietra.

La via principale di Olbia è Corso Umberto, un vero polo di attrazione per gli amanti dello shopping. È costellato da negozi, ristoranti, bar e brulica di turisti a tutte le ore. Percorrendo Corso Umberto alcuni edifici storici non passano inosservati, come la Biblioteca Comunale Simpliciana, un antico palazzo restaurato che ospita al suo interno ben 28.500 volumi e nel quale vengono organizzate rassegne letterarie e altri eventi.

Nei pressi di Corso Umberto si trova anche la più antica parrocchia di Olbia, la chiesa di San Paolo Apostolo. Domina la città da un’altura ed è stata costruita in epoca medievale sui resti di un tempio dedicato a Melkart, una divinità punica e fenicia che corrisponde al dio greco Eracle. Le sue mura in granito gallurese sono imponenti e sono affiancate da un alto campanile.

Parola d’ordine divertimento

Olbia è un esempio perfetto di città in cui cultura e divertimento convivono perfettamente, assicurando al turista infinite possibilità di svago. La mondanità è uno dei tratti distintivi della cittadina, sia d’estate che d’inverno: discoteche, ristoranti e discobar non mancano di certo e iniziano a popolarsi già al tramonto, il momento perfetto per godersi l’happy hour con gli amici sorseggiando un aperitivo, magari in riva al mare. Alcuni locali sono davvero esclusivi, con comodi divani, ottima cucina, musica di sottofondo e un panorama spettacolare. Cosa volere di più?

  

Un tuffo nel passato nel Museo Archeologico

Per gli amanti della cultura, una visita al Museo Archeologico Nazionale di Olbia è un passaggio obbligato. È noto anche col nome di Museo del Mare e si trova a pochi passi dal centro storico. Il percorso espositivo fa rivivere al visitatore i momenti più importanti della storia di Olbia, attraverso strumenti multimediali all’avanguardia.

Autonoleggio OlbiaL’incursione dei Vandali nel lontano 450 d.C. ha lasciato numerose tracce nelle acque che bagnano la città. Il golfo di Olbia custodisce ancora antichi relitti sommersi che trasportavano pregiati manufatti insieme ad oggetti d’uso comune, ma dal grande valore storico. Tutti questi reperti sono oggi conservati nel Museo.

Il padiglione più interessante del Museo del Mare è quello che ospita i resti di 24 navi romane che risalgono a più di 2000 anni fa. Questi reperti sono stati prelevati dall’antico porto di Olbia e i visitatori oggi possono ammirare quello che rimane di alberi, timoni e scafi, ma anche i tesori che queste imbarcazioni trasportavano: monete d’oro, d’argento e di bronzo, anfore, vasi di vetro, statue egiziane e gioielli di ogni tipo.

  

Perdersi nella natura… al centro di Olbia

Al centro della città è custodita una piccola oasi di pace, dove trascorrere il tempo libero tra relax, sport e natura. È il Parco Fausto Noce, il parco urbano più grande dell’isola con i suoi 16 ettari. Sono presenti un palazzetto dello sport e numerose strutture per praticare attività all’aperto come tennis, calcio o bocce.

Vivere il parco è un’esperienza piacevole per grandi e piccoli. Il verde è molto curato, ci sono ben quattro fontane zampillanti, tanti piccoli sentieri da esplorare e un laghetto animato da pesci e anatroccoli. Inoltre all’interno del parco è stata ritagliata un’area attrezzata per gli amici a quattro zampe molto apprezzata dagli amanti dei cani.

Dentro il Parco Fausto Noce è stato costruito anche un piccolo anfiteatro, dove sono messi in scena spettacoli teatrali e concerti.

Le delizie della gastronomia gallurese

Chi visita Olbia non resterà indifferente alle specialità della cucina gallurese, dominata dai sapori del mare, ma anche dalle tradizioni contadine che si tramandano da secoli.

Il viaggio nella cultura enogastronomica della Gallura non può che iniziare assaggiando la suppa cuata, conosciuta anche come zuppa gallurese. Si tratta di un delizioso sformato di pane, insaporito con pecorino e caciocavallo e bagnato con brodo di pecora, come vuole la tradizione.

Da non perdere li puligioni gadduresi, dei ravioli che associano in modo del tutto originale il dolce e il salato. Il ripieno è a base di ricotta di pecora, zucchero e limone, mentre il sugo è preparato con salsa di pomodoro.

I chiusoni sono un altro primo piatto e per tradizione si cucinano la prima sera d’agosto. Sono degli gnocchi dalla forma irregolare che vengono conditi con la peretta, un tipico formaggio sardo.

Ancora gnocchi con i malloreddus, aromatizzati con zafferano e conditi a piacimento. Oggi è possibile gustarne alcune varianti a base di spinaci o pomodoro.

Cucinare il pesce per i galluresi è un’arte e l’ingrediente segreto è il Vermentino, un vino bianco DOC usato per insaporire i pesci al forno.

I sapori del mare sono spesso declinati anche in versione street food e non è raro che il fritto misto di pesce sia servito in pratici cartocci dalle numerose rosticcerie che popolano la città di Olbia.

E per quanto riguarda i dolci? La semplicità fa da padrona con li acciuleddi e meli, delle piccole trecce di pasta fritte che sono cucinate con miele caldo e scorze d’arancia. Per tradizione erano servite in occasione del carnevale, ma oggi si possono gustare tutto l’anno.

L’ingrediente dominante è ancora il miele nei cucciuleddi e meli, piccoli canestri di pasta ripieni di miele, mandorle, noci e scorza d’arancia. La preparazione è molto complessa, ma il sapore unico ripaga senza dubbio la fatica.

Gastronomia Olbia - Noleggio Auto Olbia

Feste e sagre

Quale modo migliore per celebrare la bontà delle specialità galluresi? Naturalmente partecipando alle numerose sagre che animano la Gallura e che deliziano gli avventori con sapori e profumi irresistibili!

Tra l’inizio della primavera e l’estate, rassegne enogastronomiche e sagre cittadine si avvicendano, ma i sapori dominanti sono quelli della carne: porceddu arrosto, bollito misto e salsicce sono i veri protagonisti delle sagre e deliziano visitatori provenienti da tutta la regione, ma anche dalla penisola.

Le più belle spiagge

A bordo di un’auto a noleggio non sarà difficile raggiungere le spiagge più belle della Sardegna, veri e propri paesaggi da cartolina che non hanno nulla da invidiare rispetto alle rinomate spiagge caraibiche. Le acque sono cristalline e molte spiagge sarde sono state insignite della Bandiera blu, che premia ogni anno le località marine impegnate nella cura dell’ambiente.

A San Teodoro la spiaggia di Cala Brandinchi conquista ogni anno migliaia di turisti, attratti dalla fine sabbia bianca e dalle acque azzurro intenso. Si trova a soli 30 Km da Olbia ed è circondata da una natura selvaggia che le ha fatto guadagnare l’appellativo di “piccola Tahiti”, perché ricorda i paesaggi tipici della Polinesia.

Il Golfo di Orosei dista circa 90 Km da Olbia e presenta una grande varietà di paesaggi: spiagge bianche, cale nascoste e coste frastagliate. Una delle spiagge più belle è quella di Cala Luna, il posto perfetto per fare delle immersioni oppure per le arrampicate lungo la ripida scogliera. La spiaggia di Santa Lucia offre invece un ambiente giovane e multiculturale, vista la presenza massiccia di stranieri. La Caletta è una spiaggia perfetta per i più piccoli perché il fondale non è particolarmente profondo, ma è anche la scelta giusta per gli appassionati di kit-surf.

A circa 100 Km da Olbia si trova una località dove mare e montagne s’incontrano creando un paesaggio affascinante. Stiamo parlando di Cala Gonone, che si distingue per le sue spiagge dal colore rossastro lambite da un mare quasi trasparente. Le montagne vicine proteggono la cala dal vento e il clima è gradevole tutto l’anno.

La Sardegna dell’entroterra

E se ci si allontana dal mare? Qui ha inizio un’altra Sardegna, fatta di boschi, montagne e scavi archeologici che documentano la presenza di antiche civiltà capaci di creare monumenti unici nel loro genere, i nuraghi. Si tratta di massicce costruzioni in pietra, che in alcuni casi assumono la forma di castelli e possono raggiungere anche i trenta metri.

Non è ancora chiaro quale fosse la funzione di queste strutture preistoriche, ma nel 1997 sono state dichiarate Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Approfittando dell’auto a noleggio, vale proprio la pena allontanarsi dal centro della città e guardarli da vicino.

Cala Brandinchi - Noleggio Auto
© Noleggio Auto Olbia .Net